mercoledì 27 settembre 2017

Tenta di rubare in una caserma dei carabinieri e ne ferisce uno: clandestino libero

aggressione-carabinieri-convenzioni-istituzioni
La storia ha del surreale: un migrante e due suoi complici vengono sorpresi da un appuntato dei carabinieri, di ritorno alla caserma di Ospedaletti, mentre scappano di corsa dalle scale che conducono agli alloggi di servizio. Solo uno di loro viene bloccato dopo aver aggredito il carabiniere e la sua giustificazione ha dell’incredibile.
Scusate, ma avevo sbagliato strada, cercavo la corriera per andare da mio fratello a Nizza, non volevo rubare”: questa è stata la risposta del giovane nordafricano, irregolare in Italia, davanti al giudice di Imperia, il quale ha convalidato l’arresto e rinviato l’udienza
Il carabiniere aveva fermato i tre ladri chiedendo loro di qualificarsi: a quel punto, per tentare la fuga, i tre lo aggrediscono utilizzando un bastone con un chiodo conficcato, provocando al militare diverse lesioni e il ricovero in ospedale.
Al clandestino gli sarebbe spettata una condanna di 3 anni, due per resistenza a pubblico ufficiale ed uno per tentato furto, invece sembra che sarà libero a breve. Grazie al patteggiamento del suo avvocato, la pena si riduce ad un terzo e viene trasformata in un provvedimento di espulsione immediata dall'Italia. Non avendo, però, documenti che attestino la sua nazionalità, non sarà possibile rimpatriarlo fino a quando non ci sarà la certezza che sia davvero originario della Tunisia come afferma. Nel frattempo la permanenza dell’uomo non sarà in carcere, ma in un centro di identificazione sul territorio italiano.  


Segui Convenzioni Istituzioni su Facebook: